Sito ottimizzato per i browsers  Chrome  e Firefox 

3-9-21-in navigazione

Per  navigazione occorre avere una conoscenza minima  di  alcune nozioni basilari.
·      Barche a vela e motore  

Le barche a vela hanno una economia ,autonomia ,abitabilità e sicurezza maggiore per la  navigazione dato che non richiedono grandi riserve di carburante  e  reggono meglio il mare  avendo l’accortezza di ridurre (terzarolare) la velatura (sono come una bottiglia vuota chiusa) .Per contro devono fare  molta attenzione ai bassi fondali dato che pescano generalmente almeno il triplo rispetto ad un motoscafo ;  

·      Ancora  

Mentre si e’ in navigazione il salpaancora va tenuto sempre disinserito elettricamente e/o con la leva manuale  nonché va legata l’ancora con una cima . Questo per evitare sganciamenti in navigazione che potrebbero affondare la barca . Il fila–salpa funziona  sia con comando diretto a prua ,da inserire, sia dal posto guida . Controllare che il moschettone sia fermato con un ferretto che ne impedisca l’apertura ;

 ·        Leve acceleratore/marce 

per mettere a folle tirare in fuori la leva ,per spegnere il motore premere prima il pulsante e poi girare la  chiave ;

·      Flaps 

Servono a  stabilire il corretto assetto della barca in navigazione . Alzare la prua se il mare è agitato (per evitare schizzi d’acqua) ed abbassarla  per favorire la planata alle alta velocità . Segnare innanzi tutto il punto in cui i timoni sono dritti .Se poi la barca e’ inclinata a dritta pigiare lievemente la leva del  flap a dritta in basso(per brevissimo) e viceversa a sinistra . Controllare il livello dell’olio idraulico;

 ·      Zinchi anticavitazione 

controllare il consumo delle  piastre anticavitazione sia della timoneria sia delle eliche per evitare corrosioni di parti vitali .Portare sempre i zinchi di ricambio  ,le viti longitudinali  e le relative chiavi per montarli. Attenzione a non smontare la vite perpendicolare  di fissaggio dell’elica  ;  

·      Timoneria 

c’e’ una vaschetta di deposito del liquido sotto il  quadro comandi (dove sta il profondimetro e lo speedometro ) . Nel caso di rottura dei comandi  ricorrere ad un timone manuale ; 

·      Autoclave

 quando si esaurisce l’acqua riattivarlo con il comando del quadro. Pulire periodicamente il filtro perche’, se sporco, puo’ mantenere sempre in funzione l’autoclave. Portarsi sempre un filtro acqua  di riserva .  Mettere del disinfettante ogni pieno d’acqua.

·      Pompe  

Disporre di almeno una automatica che entra in funzione in caso di allagamento anche a batterie disinserite; 

·      Batterie  

 Devono essere almeno due e sufficientemente potenti (da 180 A e 12 V)  da mettere in parallelo solo in caso di emergenza .  

·        Serbatoi nafta 

Controllarne periodicamente l’intregrità.  

·        Motori .

 Da controllare periodicamente acqua e olio.  

Se il carburante si e’ esaurito o si  rompe qualche tubo di adduzione del carburante ,dopo il ripristino , il serbatoio va spurgato dall’aria  che ostacola il regolare afflusso del carburante . Si allenta il dado  sopra il filtro della nafta e si svita la olpetta fino a poco dopo la fuoriuscita di nafta dal dado di cui sopra . Anche l’acqua nel carburante può dare problemi similari  di cattivo funzionamento dei motori ma non così gravi come l’aria che deve essere espulsa  

Il rimessaggio contempla il cambio dei filtri nafta , aria e olio . Anche quelli dell’acqua vanno puliti o sostituiti chiudendo preventivamente le valvole d’ingresso acqua. 

Se la temperatura del motore aumenta dipende dalla rottura della  pompa di raffreddamento (dietro la pompa di spurgo) o , più probabile, dall’ostruzione dell’acqua  di raffreddamento (es. busta di plastica) nelle prese d’acqua sotto la barca o nell’elica o negli espulsori (difficile) 

·      Barometro 

si regola girando la piccola vite sul retro fino al valore desunto dal giornale o dalle previsioni del tempo in TV. L’alta pressione non sempre significa bel tempo. Se infatti la pressione è più bassa della media stagionale e il grado di umidità è alto , significa che è in arrivo una perturbazione . L’igrometro si tara avvolgendolo in uno straccio bagnato e ,dopo 24 ore, portando a 95% l’indice;

·        VHF

  Comunica con gli analoghi apparecchi che vede .In mezzo al mare comunica  con la terra se altre imbarcazioni fanno da ponte radio . Il relativo canone non va più pagato ma si perde il diritto di fare telefonate via radio. 

·        NODI marinari 

Bisogna saper fare i nodi marinari, almeno quelli base, che hanno la caratteristica di essere estremamente sicuri ma al tempo stesso facilmente scioglibili.. Quello base è la gassa d’amante . 

 Elenchiamo quindi alcune avvertenze per prevenire  alcuni inconvenienti possibili durante la navigazione: 

·        quando non c'e' contatto elettrico raschiare via l'ossidazione. 

·        controllo periodico delle sentine e dei livelli . 

·        la barca ferma troppo tempo porta alla formazione di materiale di attrito che la rallenta e non fa funzionare gli strumenti di profondità. 

·        la barca di legno non può  stare per troppo tempo a secco; 

·        l'invasatura deve essere quella appropriata, perfettamente calzante. 

 PROBLEMI ED EMERGENZE  IN  NAVIGAZIONE  

 ·        L’autogonfiabile  di salvataggio deve stare sempre pronto per essere gettato in acqua. Deve essere bene in vista la cima della zattera di salvataggio  (pronta ad essere  buttata  a mare);  

·        In navigazione va sempre tolta la tendina ,soprattutto  se c’è vento ; 

·        Attenzione alle cime nelle eliche  : BLOCCARE SUBITO I MOTORI. Serve in tal caso una bombola da sub per lavorare meglio e tagliare le cime . 

·        Per emergenze incendio vi sono due leve di chiusura dell'adduzione del carburante in basso, vicino  alla bombola del gas. In caso d’incendio tirare le leve di chiusura carburante  ( che stanno dove sta la bombola del gas all’esterno) . Per ripristinare l’afflusso di carburante non basta rimettere a posto le  dette leve ma bisogna riaprire le valvole  sotto i serbatoi . Fare eventualmente lo spurgo se  è entrata aria nel motore (pompetta e svitare dado piccolo) . 

·        EVITARE ASSOLUTAMENTE DI METTERE CARBURANTE  DI RISERVA O MATERIALE INFIAMMABILE NEL VANO MOTORI !   Tenere a portata di mano gli estintori . 

 ·        Se la temperatura del motore aumenta dipende dalla rottura della  pompa di raffreddamento (dietro la pompa di spurgo) o dall'ostruzione dell'acqua  di raffreddamento (es. busta di plastica  che va rimossa subito ).   Bisogna portare almeno un filtro nafta come riserva (ma va cambiato ogni anno  perché si deteriora ) e delle giranti per la pompa di raffreddamento . Controllare anche il livello dell’acqua (circa 18 litri per motore) ; 

·        speedometro e cuffie degli assi motori  (da portare sempre due di riserva ) sono due pericoli di affondamento! La barca deve avere delle paratie stagne per settori al fine di evitare affondamenti per un danno ad una parte (urto con scoglio ad esempio). Nel caso di acqua nel vano motori chiudere la presa di mare  del raffreddamento motori ,sfilare o tagliare il tubo di aspirazione e farlo lavorare con l’acqua pervenuta all’interno del vano motori ,aspirazione che funzionerà anche in assenza di funzionamento delle batterie !  

·        Nel caso di rottura di un asse bisogna subito fermare la barca e ,per proseguire , fissare l’elica in modo che  non abbia ad urtare contro l’elica impedendo di controllare la barca . 

·        il gommone deve stare senza tappo per evitare il riempimento ed appesantimento in caso di pioggia. Deve inoltre essere ben fermo e fissato in navigazione ,specie con mare agitato. Se si sta in rada deve essere sempre pronto per essere issato a poppa .  

·        quando non si ha il posto prenotato in porto  bisogna sostare in rada  ,con luce di fonda, scegliendo quelle più sicure al riparo dai venti e dalle correnti ; 

·        prenotare il posto in transito chiamando la torre del porto generalmente sul canale 9 ,dando le caratteristiche della barca ; 

·        PRIMA DI RIMETTERSI IN MARCIA DOPO UN INCIDENTE O GUASTO DI QUALSIASI NATURA VERIFICARE I DANNI PER EVITARE L’AFFONDAMENTO ! 

·        FUNZIONAMENTO MOTORI DIESEL   : per accenderli  in emergenza al di  fuori del quadro di comando mettere un contatto elettrico (es.un cacciavite) tra i due dadi di accensione laterali del motorino di avviamento. Per spegnerli spingere a mano una levetta scura orizzontale con guarnizione in gomma ondulata, sempre nelle vicinanze, sotto e all'interno dell'asta di livello dell'olio. 

Le cause principali di spegnimento del motore sono o l'aria nel circuito della nafta  (necessita il già descritto spurgo) o l'acqua nel carburante (va pulito il filtro nafta ) . Per togliere l’aria dal motore vedi precedente capitolo.

Le cinghie  per la pompa dell’acqua e per l’alternatore  sono normalmente due per motore e quindi difficilmente si rompono  assieme . Bisogna comunque portarne almeno due per riserva.

Se manca l'olio dentro l'invertitore (v.asticina diversa da quella  dell'olio motore, posta in coda), l'elica slitta,  entra in cavitazione. Puo' dipendere anche da una perdita quale la rottura del manometro sulla quale bisogna intervenire subito tamponando la falla e aggiungendo olio  altrimenti si rompono gli ingranaggi .

Guarda le foto

Guarda i video

File vari

Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.