Sito ottimizzato per i browsers  Chrome  e Firefox 

3-6-1-Dislocamento e flusso d’acqua

Il peso di una barca e del suo carico è chiamato dislocamento: esso è uguale al peso dell’acqua che essa sposta quando è in acqua. Questo è identico a quello dell’acqua che riempirà esattamente la forma dello scafo sommerso.  

Immaginate uno scafo, con un pesante carico di merci. S’immerge profondamente nell’acqua. Se lo scafo fosse in forma di parallelepipedo sarebbe difficile spostarlo perché avrebbe tendenze a spingere davanti a sé una gran quantità d’acqua e sarebbe trattenuto dalla turbolenza e dal risucchio a poppa. Perciò uno scafo che non sia abbastanza leggero da sfiorare la superficie deve avere la carena accuratamente sagomata, in modo tale che possa fendere l’acqua nel modo più facile, che sia arrotondata opportunamente così da disporre di volume sufficiente per trasportare il peso richiesto, e che torni poi ad essere ben rastremata a poppa in modo che l’acqua tagliata a prua possa riunirsi a poppa con la minima agitazione possibile.

Uno scafo di questo genere, a dislocamento pesante, può muoversi soltanto a velocità relativamente bassa e non può mai sollevarsi fuori dell’acqua e planarvi sopra come il vassoio. Ciò nondimeno ambedue questi tipi di scafo offrono dei vantaggi, pur avendo ciascuno caratteristiche di progettazione completamente diverse.

Guarda le foto

Guarda i video

File vari

Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.