Sito ottimizzato per i browsers  Chrome  e Firefox 

3-6-16-Come si puggia

Da un'andatura con vento al traverso 

Cambiare direzione allontanando la prua dal letto del vento si chiama puggiare.  

Per il momento ci limiteremo ad arrivare ad un punto in cui si possa ancora mantenere sulla vela un flusso d'aria laminare. Al punto cioè in cui una vela correttamente regolata arriva a toccare la sartia sottovento e non può essere mollata ulteriormente.  

Così, da una rotta al traverso comunemente nota come rotta al lasco o lasco, possiamo puggiare passando al gran lasco. Nella pagina precedente la barca passava dal traverso alla bolina larga.  

Nei disegni in alto le scotte non sono state allascate ed è aumentata la forza di sbandamento - la barca sbanda e, incidentalmente, la vela si troverà probabilmente in condizione di "stallo" in modo che la forza totale di spinta sarà ridotta.  

Per mantenere dunque equilibrio e velocità, si allasca la scotta mentre la barca accosta. In questo caso la forza di sbandamento comincerà a diminuire a causa dell'angolo della vela più favorevole alla spinta in avanti, e perciò l'equipaggio deve tenersi pronto a spostarsi entrobordo non appena la barca cambia direzione.  

Inoltre, a causa dell'angolo della vela più favorevole, normalmente la velocità della barca aumenterà. Lasco e gran lasco sono le due andature più veloci (non si sente il vento).

Guarda le foto

Guarda i video

File vari

Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.